26 gennaio 2013

RECENSIONE: La ladra di primavera di Marina Fiorato



Buon sabato pomeriggio!
ecco una nuova recensione!


Titolo: La ladra di primavera
Autore: Marina Fiorato
Pagine: 504
Prezzo: euro 19,60
Editore: Nord
Genere: romanzo storico
Data di pubblicazione: 13 ottobre 2011

Trama
Firenze brilla come l'oro e odora di zolfo.
Firenze è bellissima e misteriosa.
Firenze custodisce un segreto e una maledizione. 

Firenze, 1482. L’affascinante cortigiana Luciana Vetra è furiosa: ha fatto da modella per il grande pittore Sandro Botticelli, ma lui, dopo essersi rifiutato di pagarla, l’ha addirittura cacciata dal suo studio. Determinata a vendicarsi, la giovane allora ruba uno dei disegni preparatori del dipinto – una grande tavola che avrà come titolo La primavera – e cerca di rivenderlo. Tuttavia non le ci vuole molto a capire di aver commesso un tragico errore: sembra infatti che alcuni uomini senza scrupoli siano disposti a tutto - anche a ucciderla - pur di recuperare quel disegno. Disperata, Luciana chiede asilo presso la basilica di Santa Croce e viene accolta da Guido, un novizio che, incantato dalla sua bellezza, decide di aiutarla. Consapevoli che soltanto svelando il mistero del quadro avranno salva la vita, i due intraprendono allora un viaggio che li porterà da Napoli a Pisa, da Roma a Venezia, tra nobili e assassini, pericoli e agguati, complotti e tradimenti. E scopriranno che, nell’allegoria, della Primavera, si nasconde un messaggio in codice per un gruppo di cospiratori che vogliono cambiare il futuro dell’Italia…


Mia recensione
Mi aspettavo, anzi ero sicurissima che questo libro sarebbe diventato uno dei miei favoriti perché è un romanzo storico, con protagonista femminile, con l'arte di mezzo(adoro Botticelli), una storia d'amore, viaggi e avventure...insomma il libro per me! Invece non mi ha lasciato granché, è un romanzo senza troppe pretese, ricco di reminescenze storiche, bibliche e artistiche poco chiare e  tanta fantasia.

La storia racconta le avventure di Luciana Vetra, giovane prostituta fiorentina che dopo aver posato per Boccaccio nelle vesti di Flora nella Primavera, ruba(senza alcun apparente motivo visto e non ha mai rubato prima) la bozza preparatoria del quadro. A causa di questo furto viene coinvolta in una trama misteriosa e pericolosissima, infatti tenteranno di ucciderla, che la porterà a scoprire le sue origini e un segreto ben nascosto(insomma, mica tanto) che coinvolge alcuni pezzi grossi dell'Italia dell'epoca. La Primavera di Botticelli non è solamente un quadro pagano, ma cela al suo interno una trama politica che sconvolgerà tutta l'Italia. Ovviamente in questa ricerca non sarà da sola ma verrà accompagnata e sostenuta da fratello Guido, giovane novizio francescano di nobili natali.

In generale questo libro non mi ha lasciato molto perché la storia mi è  parsa troppo arzigogolata, infatti a metà libro mi era sembrato davvero tutto concluso, e invece no! La narrazione riprendeva e continuava in modo sempre più prevedibile, tanto che la conclusione era davvero chiarissima.
Oltre a questo, tutto il racconto mi ha trasmesso una sensazione di eccessività, sia per quanto riguarda la protagonista che è troppo esuberante oppure troppo ubbidiente, sia per quanto riguarda gli avvenimenti che mi sono parsi  poco realistici.   
All' interno della storia, che come ho già detto ruota intorno alla Primavera di Botticelli, vengono fatti dei salti concettuali davvero assurdi per arrivare a risolvere i vari enigmi; un momento prima i protagonisti osservano il quadro e non vedono nient' altro che delle figure mitologiche, un momento dopo si accende la lampadina e tutto d'un botto capiscono i significati allegorici molto complessi e per nulla chiarificatori. Davvero tutta la storia è davvero molto molto fantasiosa ed è evidente che in alcuni casi c'è una vera e propria forzatura.
Quello che probabilmente rende il tutto ancora meno credibile è la protagonista che ho trovato davvero insopportabile! All'inizio ho pensato che fosse una genialata il fatto che Luciana Vetra(detta anche Ciccina) fosse una prostituta, ed infatti le battute iniziali del libro promettevano benissimo poi mi sono ricreduta. Luciana è una bellissima ragazzina di 16 anni ignorante e superficiale che per sua libera scelta e senza nessun rimorso, tranne quello di non aver conosciuto sua madre, si prostituisce a Firenze. Credo che sia un personaggio poco profondo e poco credibile oltre che irritante e volubile. Non sembra una prostituta quanto una stupidotta che in alcuni momenti è ingenua e umile, in altri ribelle e poco sensibile. Insomma non ha un equilibrio. E che dire della storia relativa al suo arrivo in fasce a Firenze e del suo passato tanto misterioso! Sembra quasi una favola.
Inoltre credo che, se la storia relativa al mistero del quadro fosse stata ideata in modo diverso e più credibile, sarebbe decisamente stato meglio: una prostituta che non sa né leggere né scrivere come può da sola decodificare il messaggio nascosto in un dipinto??Quindi che senso ha inseguirla per ucciderla?
Anche il protagonista maschile non scherza! Il buon fratello Guido, ancora novizio casto e puro come non mai, si butta a pesce in un'avventura misteriosa al fianco di una prostituta ...mi sa che tanto casto e puro non lo è. E la scusa è davvero banale: aiutare una ragazza in difficoltà e riportarla sulla retta via.....
Ci sarebbe da dire altro ma preferisco non andare oltre che è meglio....

Assegno al romanzo due stelline e mezzo; forse sto diventando troppo esigente....magari darò un'altra occasione all'autrice.
Lya

1 commento:

  1. Che peccato! Mi ispirava parecchio, anche se poi non l'ho mai comprato. Peccato

    RispondiElimina

Il nostro blog cresce con i vostri commenti!
Lasciate un segno del vostro passaggio ^^

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...