27 agosto 2013

RECENSIONE: Crossed e Reached di Ally Condie

Buon pomeriggio a tutti!
ecco una duplice recensione riferita al secondo e al terzo volume della trilogia distopica di Ally Condie iniziata con Matched(QUI la recensione).


Titolo: Crossed - La fuga
Autore: Ally Condie
Pagine: 352
Editore: Fazi
Prezzo: 14,90 €
Data di pubblicazione: 23 Novembre 2012

Trama
La Società sceglie tutto per te. I libri che leggi. La musica che ascolti. La persona che ami. Ma per Cassia Reyes le regole del gioco sono cambiate. Solo poco tempo prima la Società aveva scelto come suo promesso sposo Xander, il suo migliore amico: doveva essere il suo compagno perfetto, ma una macchina non può comandare il cuore. Il ragazzo che ama non è lui ma è Ky, una Aberrazione, un individuo che la Società considera pericoloso e indegno di essere promesso a qualcuno. Un errore che proietta Cassia in una nuova dimensione di verità e conoscenza dove può vedere con chiarezza le mancanze e i difetti del Sistema.
Scoprendo dentro di sé una forza che non sapeva di possedere, Cassia si allontana alla ricerca di Ky, che è stato rapito e portato al confino. In quelle terre estreme Cassia potrà capire che non tutto è perduto e che dentro questo mondo apparentemente immobile e perfetto c'è un seme di cambiamento e di libertà. Una ribellione sta montando, e Cassia è finalmente libera, libera di scegliere.
 
Titolo: Reached - L'arrivo
Autore:Ally Condie
Pagine: 448
 Prezzo: 14,90€
Editore: Fazi Lain
Serie: Matched 3#
Data di pubblicazione: 5 Luglio 2013

Trama
Cassia, Ky e Xander sono lontani, separati da migliaia di chilometri eppure uniti dalla stessa missione: lavorare per l'Insorgenza, l'enigmatica organizzazione che vuole far capitolare la Società. Dopo anni di lavoro sotterraneo, l'Insorgenza è finalmente pronta a lanciare il suo attacco. Un virus letale viene rilasciato nei corsi d'acqua e in breve tempo la popolazione viene decimata. Se la Società non ha le risorse per curare tutti, l'Insorgenza sì. Dimostrando che la Società non è così affidabile e organizzata come vuole apparire, la forza ribelle ne distrugge quindi il caposaldo, l'idea di perfezione. Ma quando il virus muta e nessuno, nemmeno l'Insorgenza, sa come curarla, serviranno misure straordinarie per salvaguardare il mondo in pericolo. I tre ragazzi si riuniranno per l'ultima volta. 

Mia recensione
Dopo più di un anno di attesa ecco che sono riuscita a terminare la lettura della trilogia distopica di Ally Condie! Sono parecchio affezionata a questa serie perché è stata la prima su cui ho messo le mie manine e che mi ha fatto conoscere e apprezzare il genere distopico. QUI trovate la recensione di matched mentre oggi vi parlerò di Crossed e Reached insieme per evitare spoiler a go go nella recensione dell'ultimo libro.

Dopo l'abbinamento Cassia ha scoperto un mondo molto diverso da quello a cui era abituata, ha iniziato a guardarsi intorno e, grazie a Ky, ha visto oltre le artificiali apparenze della Società. Dopo aver interiorizzato questa consapevolezza, Cassia scopre in se una forza nuova: la forza del desiderio e della libertà che la porta molto lontano e, da un'esistenza protetta e priva di rischi, la porta a superare numerosi ostacoli natrli e sentimentali per riuscire a raggiungere il suo amato ma, come sempre, le cose non sono come sembrano e, dopo aver raggiunto il suo scopo, Cassia, Ky e Xander, si troveranno a dover affrontate una Piaga terribile per tutta l'umanità.

In questo breve sunto mi sono sforzata di dire qualcosina su ciò che succede ma di non svelare nulla di spoileroso, spero di esserci riuscita abbastanza da risvegliare il vostro interesse!
Allora, se Marched mi aveva incuriosita, Crossed ha rallentato un po' la lettura mentre Reached mi è piaciuto parecchio e di solito questo non mi succede mai! Solitamente amo i primi libri e il finale mi lascia sempre delusa, qui invece l'ultimo libro è quello che mi ha convinta di più, che ho trovato meno young adult e più particolare.
Crossed è stato, tra i tre, il libro più lento e forse inconcludente perché solo verso la fine la storia arriva a qualcosa di concreto, tutto il resto racconta la storia di un viaggio disperato e difficile. Sorvolando sulla fortuna sfacciata di Cassia che affronta indenne cose che per lei sono praticamente sconosciute, trova quello che stava cercando e decide di partecipare a una cosa più grande di lei che non capisce completamente, mettendo da parte tutto questo, il libro scorre piacevole e si fa leggere perché il lettore è spinto ad andare avanti per capire come le cose si evolveranno. Il finale di questo secondo libro e i nuovi personaggi che appaiono sono la parte trainante che ti spinge a leggere il terzo volume perché, per il resto, come ho già detto, non c'è molto da dire.
Reached mi è piaciuto davvero molto perché, oltre a spiegare molte dei misteri latenti che sono presenti nei primi due volumi, è pieno di azione e movimento e in ogni capitolo succede qualcosa d'interessante. Cassia, Ky e Xander raccontano la loro vita da tre luoghi diversi e con diverse mansioni e quindi tuta la narrazione è tridimensionale e molto varia pur raccontando le stesse cose. Se Cassia e Ky non hanno destato la mia immaginazione, invece  Xander è il personaggio che ho più apprezzato per le sue azioni e i suoi pensieri, lui è il ragazzo più tormentato tra i tre ma anche il più forte e determinato. Il finale mi è piaciuto moltissimo e, insieme ai sentimenti che pervadono tutta la trilogia, è ciò che più mi ha coinvolto. Insomma ho chiuso il terzo libro contenta!

Il punto di forza di Matched, Crossed e Reached però, è il diffuso desidero dei personaggi di poter essere liberi di amare e di creare, di fare ciò che si vuole, di decidere del proprio futuro e non di ripetere all'infinito ciò che qualcun'altro ha scelto per loro. Insomma, la società che piano piano si scopre al'interno dei tre libri e i desideri latenti dei personaggi sono ciò che ha reso la lettura della trilogia così interessante e piacevole insieme al ricorso alla poesia come simbolo di ciò che, per loro, era perduto.
Una critica che ho da fare è relativa allo stile dell'autrice che scrive con frasi brevi e semplici che però risultano frammentarie e sul tempo che è usato in italiano: il presente. In realtà non so se nei libri in lingua originale venga usato il presente come tempo dominante, ma in italiano è così e, soprattutto all'inizio della lettura, abituata all'imperfetto e al passato, la cosa mi ha un po' infastidita. Questa sensazione però è sparita con il procedere della lettura.

Assegno quindi tre stelline a Crossed e quattro a Reached, mentre per tutta la serie assegno tre stelline e mezzo! Davvero una bella lettura fresca e originale!

Lya

Nessun commento:

Posta un commento

Il nostro blog cresce con i vostri commenti!
Lasciate un segno del vostro passaggio ^^

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...