01 dicembre 2013

Crescere...leggendo (13)


Ciao amici lettori e rieccomi dopo tanto tempo con un nuovo post per la rubrica dedicata ai bambini.


Titolo: Di cose invisibili
Autore: Simonetta Ange
lini
Illustrazioni: Ilaria Meli
Pagine: 35
Prezzo: 10,00€
Editore: Albero Niro
Collana: Le stanze di Teresa




Un piccolo diario poetico per la memoria sveglia dei bambini, che non dimentichino di vedere, e per quella un po' distratta dei grandi. Per guardare bene, per aprire gli occhi, le ossa, il cuore. Per fare attenzione, per fare libertà con le parole. Per incantarsi. Perché "l'essenziale è invisibile agli occhi". È la voce segreta, il racconto silenzioso delle cose invisibili, che, perché sono troppo leggere nessuno riesce a trattenere, ma che ci ricordano quanto sia importante ogni minuscolo dettaglio, ogni silenzio, ogni luce, ogni spavento, ogni bordo di ciglia, ogni sogno, ogni respiro. Ogni soffio di vento. Perché non si sa mai cosa può portare. 







“Questa storia la devi bisbigliare,

che diventi come tutte le cose belle che si dicono così…

…sottovoce…”

Oggi vi parlo di un libro pubblicato recentemente e che mi ha colpita particolarmente. “Di cose invisibili” è il romanzo d’esordio della giovane scrittrice Simonetta Angelini. Il libro, innovativo nei contenuti e nella struttura, presenta una serie di illustrazioni create da Ilaria Meli e che si adattano perfettamente al testo: uno degli elementi positivi di questo libro è proprio il perfetto connubio tra testo e illustrazioni.
Come avrete notato non parlo mai di “romanzo”, piuttosto di libro o testo. Questo perché, in fin dei conti, “Di cose invisibili” non può essere considerato un romanzo. La semplicità delle parole, l’utilizzo di periodi, la scelta di scrivere quasi in versi, fanno sì che il romanzo assomigli più a una filastrocca che a un romanzo. La scelta di questa forma di testo è vincente perché il testo, essendo indirizzato a un pubblico molto giovane, può essere facilmente recepito e apprezzato anche da quei bambini che hanno problemi di concentrazione. Ovviamente il fatto che il libro sia indirizzato ai bambini non impedisce agli adulti di leggerlo, magari assieme al proprio figlio o, così: per sognare assieme, per ritrovare la poesia e la magia dell’esser ancora una volta bambini. In questo libro sembra proprio che l’autrice voglia giocare con i bambini: li spinge a cercare il concreto nell’invisibile, a cogliere il visibile anche quando sembra non esserci nulla, vuole mantenere viva l’ingenuità e l’innocenza dei bambini.
Io mi sono rilassata leggendolo, ho chiuso gli occhi e lasciavo vagare l’immaginazione, cercavo l’invisibile tra le foglie degli alberi e tra le nuvole del cielo e all’improvvisio non mi sentivo più sola, una speciale musica partiva dal mio cuore e mi faceva sentire libera e circondata da cose belle: ed anche il vento è diventato un amico, che mi accarezza il volto come per dirmi: “Ci sono anche io con te”.
Davvero un libro bellissimo!
L’unica pecca che ho riscontrato in questo testo è una poca attenzione all’editing, cosa che purtroppo ho riscontrato spesso in tanti libri. Che dire: un vero peccato!!
Tutto sommato voglio dare 4 stelline più che meritate!

 


Nessun commento:

Posta un commento

Il nostro blog cresce con i vostri commenti!
Lasciate un segno del vostro passaggio ^^

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...