16 febbraio 2018

5 cose che...5 film poco conosciuti

Buongiorno lettori e passanti!
che bello il venerdì! Un ultimo sforzo e poi inizia il weekend, sempre così atteso e insieme anche la rubrica delle 5 cose ideata dal blog Twins Books Lovers.

il tema odierno è: 5 film poco conosciuti ed ecco i miei che sono quasi tutti storici, quelli che preferisco ma che spesso e volentieri passano sotto silenzio...
"Effie Gray- storia di uno scandalo" racconta la storia di Euphemia "Effie" Gray. che sposò il celebre critico e storico vittoriano John Ruskin che nascondeva un grande segreto; un film sulla condizione femminile dell'epoca che mi è piaciuto moltissimo. "La ragazza del dipinto" altro film storico che narra al storia di una ragazza mulatta nata da un inglese nobile e una donna di colore e che viene cresciuta come un'aristocratica e fatica a inserirsi nella società razzista dell'epoca.

 Ho scelto due bei film di Kate Winslett di cui non ho sentito parlare molto: "Le regole del caos" che è splendido, ambientato alla corte di Versailles dove lei diventa un'architetta di esterni per il re (Alan Rickman) e "The dressmaker" che racconta la storia di una ragazza che, dopo essere fuggita di casa a causa di un incidente, torna e rianima la piccola cittadina con i suoi bellissimi vestiti.Anche quest'ultimo ambientato nel passato.
Come ultimo ho voluto inserire "Magic in the moonlight" che mi ha divertita davvero moltissimo. Questo è un film certamente più conosciuto ma nella mia classifica doveva esserci anche Colin Firth XD

Quali sono i vostri 5 film che ritenete poco conosciuti?

15 febbraio 2018

RECENSIONE: Il maestro delle ombre di Donato Carrisi

Buona lettura!

Titolo: Il maestro delle ombre
Autore: Donato Carrisi
Pagine: 400
Prezzo:18,80 euro
Editore: Longanesi

Trama
1511. Papa Leone X emana una bolla: Roma non dovrà mai rimanere al buio. Per secoli storici e teologi si interrogano sulle ragioni di questo divieto.
23 febbraio 2015. Un temporale si abbatte su Roma causando per la prima volta nella storia un blackout totale.
Un nuovo mostro inizia ad aggirarsi nelle strade della città…
Fu il primo dei tribunali della Curia romana ecclesiastica, ed è istituito per le questioni di coscienza.
Le sue origini risalgono al XIII secolo, quando per autorità di Innocenzo IV i penitenzieri di Roma si costituirono in collegio sotto la presidenza di un cardinale.
Il suo potere giurisdizionale variò secondo i tempi, ma è certo che la Penitenziaria si sia occupata e continui a occuparsi di cose oscure, indicibili e pericolose.
Come fu in epoca controriformista per le suppliche dei condannati a morte per stregoneria. La Santa Penitenzieria Apostolica è anche conosciuta come: il tribunale delle anime.
È qui che Bene e Male giocano la loro partita con il destino degli uomini. Il tribunale infatti si occupa dell’archivio criminale più imponente che esista al mondo, quello delle confessioni dei peccati più gravi.
È per questo che esistono i penitenzieri: sono loro la presenza segreta su molte scene del crimine, sono loro alla costante ricerca di ciò che l’occhio di un semplice detective non può scorgere. Un’anomalia.


Come mi ero ripromessa all’inizio del 2017, sto cercando di lasciare un po’ di spazio ai thriller tra uno storico e un fantasy. L’anno scorso mi sono focalizzata parecchio su questi due generi e ho completamente tralasciato i gialli e i romanzi thriller, che amavo moltissimo diversi anni fa. Per riprendere a leggere qualcosa di questo genere ho pensato di dare una seconda occasione a uno dei più famosi scrittori di thriller italiani: Donato Carrisi.

Roma sta per vivere una giornata di buio: un blackout forzato spegnerà le luci della città eterna per 24 ore. La polizia sa bene che al buio ci saranno numerosi problemi di ordine pubblico quindi tutto è in fermento e tutto deve essere monitorato e controllato attentamente.
Marcus, un prete ultimo appartenente a un ordine segretissimo che caccia il male in tutte le sue forme, si sveglia al buio, legato e privo di forze senza ricordi di come è arrivato lì. Questo è l’inizio di una caccia all’uomo che porterà Marcus e Sandra Vega nelle strade oscure e pericolose di Roma.

Questo è un libro che appartiene a una serie incentrata su Marcus, questo misterioso prete combattente e su Sandra Vega, una poliziotta. Inutile dirvi che non ho letto i precedenti volumi perché non mi sono informata prima ma, iniziata la lettura, speravo di riuscire comunque a seguire la storia e a godermi questo libro dalle premesse così intriganti. Ci sono riuscita solo in parte perché tutta la vicenda pregressa tra i due protagonisti viene data per scontato e ho potuto capire solo qualche cosetta tra un momento di tensione e l’altro. Ciò che mi ha convinta a leggere proprio questo libro, tra i tanti in circolazione, è la premessa: il buio forzato a Roma dopo secoli di luce. Papa Leone X, prima della sua morte, ha emanato una bolla che imponeva ai romani di tenere accesa l’illuminazione stradale sempre e comunque. Questo elemento così particolare mi ha decisamente intrigata e, nonostante le mie lacune per quanto riguarda la storia individuale dei protagonisti, mi sono goduta la lettura.
Roma è al buio, a causa di guasti alla linea elettrica, e la polizia ha indetto norme apposite per cercare di tenere sotto controllo la situazione che è prevedibilmente esplosiva. Con il favore delle tenebre molti criminali possono strisciare nell’ombra per commettere i loro delitti. Oltre a questo elemento, che ha del potenziale, anche l’intro che vede Marcus nudo, ferito e legato in una cloaca e senza memoria di come ci è arrivato, ha reso il libro molto attraente. Lo svolgimento non mi ha fatta impazzire e non ho avvertito sempre la tensione delle situazioni ma, tutto sommato, il romanzo mi è piaciuto così come i diversi personaggi che ruotano intorno alla vicenda. Il misterioso “cattivo” che manovra tutto è silenzioso ma molto presente e agisce sugli altri da lontano. Forse ho trovato un po’ eccessivo il comportamento di un altro poliziotto che si comporta in modo davvero violento e fuori da ogni schema e legge.
Lo stile dell’autore è fluido ma incisivo e le descrizioni sono davvero ben scritte così come l’organizzazione interna della struttura che si dipana lentamente davanti agli occhi del lettore.
Ho deciso di assegnare tre stelline al libro.

Lya

14 febbraio 2018

What's next? | 14 febbraio 2018

Buona giornata dell'amore lettori e passanti!
nuova settimana, nuovo aggiornamento delle mie letture ^^


- Cosa ho appena finito di leggere?
Ho terminato "L'isola di Arturo" di Elsa Morante, uno dei classici della letteratura italiana dell'ultimo secolo che sto cercando di recuperate. La lettura è stata piuttosto lenta ma appassionante. Mi è piaciuto lo stile dell'autrice e i temi trattati. Devo però meditare se scriverne o meno una recensione. 
- Cosa sto leggendo?
Ho iniziato ieri le prime 100 pagine de "Il caso Fitzgerald" di Grisham e mi sta intrigando parecchio. Ho sempre avuto dei pregiudizio su questo autore ma questo mystery sembra piuttosto interessante.

-Qual è il prossimo libro che leggerò?
Francamente non lo so bene ma forse proseguirò con la serie della Bardugo che ho iniziato alla fine del 2017 in inglese.



Voi cosa leggete di bello?

12 febbraio 2018

Uscite della settimana: dal 12 al 18 febbraio 2018

Buon lunedì a tutti lettori e passanti,
ormai ho esaurito le intro diverse quindi vado subito al sodo con la mia personale selezione di uscite della settimana!
Oggi un bel fritto misto di generi! Spero vi possa interessare qualcosa! ^^

Titolo: Sorprendimi
Autore: Sophie Kinsella
Pagine:350
Prezzo: € 17,00\eBook € 9,99
Editore: Mondadori
Data di pubblicazione: 13 febbraio 2018

Trama

Dan e Sylvie stanno insieme da dieci anni. Matrimonio felice, due splendide gemelle, una bella casa, una vita serena. Sono talmente in sintonia che quando uno dei due inizia a parlare l'altro finisce la frase... è come se si leggessero nel pensiero. Un giorno però, dopo una visita medica di routine, scoprono di essere così in forma che la loro aspettativa di vita è di altri sessantotto anni.
Ancora sessantotto anni insieme? Dan e Sylvie sono sconcertati. Non pensavano certo che "finché morte non ci separi" significasse stare insieme così a lungo! Dopo l'iniziale stupore, si instaura tra i due un certo disagio, seguito a ruota dal panico più totale. Decidono dunque di farsi delle "sorprese" per ravvivare fin da subito il loro matrimonio "infinito", per non stufarsi mai l'uno dell'altra...
Ma si sa bene che non sempre le sorprese portano al risultato sperato... e in un batter d'occhio sorgono contrattempi poco graditi e malintesi che rischiano di minare le fondamenta della loro unione. E quando cominciano a emergere alcune verità taciute, Dan e Sylvie iniziano a domandarsi se dopo tutto... si conoscono davvero così bene.


Titolo: Luna 2
Autore: Nick Lake
Prezzo: 19,00 €
Pagine: 464
Editore: Mondadori
Data di pubblicazione: 13 Febbraio 2018

Trama

Leo ha quindici anni e non ha mai messo piede sulla terra. Come i suoi migliori amici, i gemelli Orion e Libra, è nato e cresciuto su Luna 2, una stazione spaziale che orbita a una distanza di 250 miglia dalla terra, viaggia a quasi 18.000 miglia orarie ed è in grado di compiere un'intera orbita intorno al nostro pianeta ogni novanta minuti. Questa è la sola e unica casa che i tre amici abbiano mai conosciuto.
Ora che stanno per compiere sedici anni, è arrivato il momento di affrontare il loro primo volo verso la terra, un luogo dove non sono mai stati e che conoscono solo indirettamente, attraverso i contatti video con le loro famiglie. Questa missione li metterà alla prova fisicamente e soprattutto emotivamente ma consegnerà loro l'opportunità di una nuova vita. Quello che Leo e gli altri non possono sapere, però, è che il loro "ritorno" scatenerà delle conseguenze terribili.
Quello raccontato dalla sapiente e originale penna di Nick Lake è il viaggio epico e straordinario di tre ragazzi alla ricerca, e alla scoperta, di loro stessi, del loro destino e di un luogo in cui sentirsi finalmente a casa. Una storia commovente, piena di stupore e poesia che appassionerà i ragazzi ma anche gli adulti e che sembra scritta per diventare un film per il grande schermo.


Titolo: Uomini che restano
Autore: Sara Rattaro
Pagine: 264
Prezzo:€ 16.90
Editore: Sperling & Kupfer
Data di pubblicazione : 13 febbraio 2018

Trama
All’inizio non si accorgono nemmeno l’una dell’altra, ognuna rapita dal panorama di Genova. Fosca e Valeria s’incontrano per caso, sul tetto di un palazzo dove entrambe si sono rifugiate nel tentativo di sfuggire al senso di abbandono che a volte la vita ti consegna a sorpresa, senza chiederti se ti senti pronta. Fosca è scappata da Milano e dalla confessione scioccante con cui suo marito ha messo fine in un istante alla loro storia, una verità che per anni ha taciuto a lei, a tutti, persino a se stesso. Valeria nasconde sotto un caschetto perfetto e un sorriso solare i segni di una malattia che sta affrontando senza il conforto dell’uomo che amava, perché lui non è disposto a condividere con lei anche la cattiva sorte. Quel vuoto le avvicina, ma a unirle più profondamente sarà ben presto un’amicizia vera, di quelle che fanno sentire a casa. Perché la stessa vita che, senza preavviso, ti strappa ciò a cui tieni, non esita a stupirti con tutto il buono che può nascondersi dietro una fine.


Titolo: La vita in un istante
Autore: Gabrielle Zevin
Pagine:335
Prezzo: 16 € /ebook: 9.99 €
Editore: Nord
Data di uscita: 15 febbraio 2018

Trama

Aviva Grossman ha ventun anni e un’unica colpa: essersi innamorata di un importante uomo politico. Ma, quando quella relazione diventa di dominio pubblico, i media non hanno pietà: travolta da una valanga di accuse, illazioni e (falsi) moralismi, Aviva non trova comprensione neppure nella famiglia ed è costretta ad allontanarsi dalla Florida e a cambiare nome, nella speranza che il tempo cancelli le tracce del suo errore. Se non il perdono, almeno l’oblio…
Tredici anni dopo, Jane Young abita in un paesino del Maine con la figlia Ruby. Ha una bella casa, un buon lavoro, una vita tranquilla. Ma tutto cambia quando Ruby inizia a fare ricerche sul padre, che lei non ha mai conosciuto. Nell'era di Internet, nulla si cancella e, ben presto, Ruby si trova di fronte a una verità sconcertante. Possibile che sua madre abbia mentito a tutti sulla propria identità e sul proprio passato? Ruby deve sapere. Perciò scappa a Miami, alla scoperta delle sue origini. E così anche Jane sarà costretta ad affrontare il fantasma di Aviva…


Il libro della Zevin lo penderò sicuramente e anche Luna 2 sembra promettente, oltre che autoconclusivo XD
Vi interessa qualcosa?

10 febbraio 2018

Beauty Heroes | gennaio 2018

Buonsalve lettori e passanti,
visto che vorrei tentare di variare i contenuti del blog lasciando un po' di spazio alle mie altre passioni, eccomi a mostrarvi i "Beauty heroes" del mese scorso, cioè i prodotto make up più usati. La rubrica è del blog "The world of Claire".
Perdonate le mie foto molto "rustiche", devo perfezionare le mie abilità di fotografa XD

Nabla Brow Pot in Neptune: Se non uso un prodotto Nabla al giorno non sono contenta quindi questo mesetto posso dire di aver usato abbastanza e apprezzato questo prodotto per sopracciglia. Ammetto la mia ignoranza perché, fino a qualche mese fa, non truccavo per nulla le mie sopracciglia tranne che per correggere qualche danno che mi ero fatta con la pinzetta. Ho sempre usato o un ombretto marrone oppure una matita apposita e quindi sono arrivata a voler sperimentare altro. Il brow pot è un gel colorato in pottino che va a riempire e a fissare la forma delle sopracciglia, dopo un po' di tentativi ho trovato il modo di applicarlo secondo il mio gusto (per non sembrare Elio). Uso il pennellino angolato della Essence per applicare il gel e uno scovolino vecchio e pulito di un mascara per sfumare soprattutto la zona centrale. Il prodotto rimane intatto tutta la giornata, non cola e fa un bell'effetto naturale. Promosso! Speriamo non si secchi troppi in fretta! 

Nabla Dreamy Matte Liquid Lipstick in Brodway: secondo prodotto Nabla parecchio usato, calcolando il fatto che cambio ogni giorno il colore del rossetto. Brodway è un colore uscito per l'edizione natalizia con un pack davvero grazioso ed elegante. Il colore è un marroncino caldo di media intensità che mi fa sembrare sofisticata ed elegante. Abituata a portare o rossetti molto scuri(rossi, maroni e viola) oppure berry, ultimamente o cercato dei nude non scontati e lui non delude. Davvero molto bello, non secca le labbra, dura abbastanza e non appesantisce.

Rimmel Fresher skin in (201) classic beige: questo è un fondotinta in gel caruccio che sto cercando di smaltire. Lo comprai la primavera scorsa per uniformare la pelle e per usarlo tutti i giorni in velocità. Ha fatto il suo lavoro poiché risulta leggero, fresco e di veloce applicazione; non uso pennelli ma solo le dita e una spugnetta per sfumare meglio. Insomma, un prodotto carino senza né infamia né gloria che non credo che ricomprerò perché il formato in barattolo non mi ha del tutto convinta.

Ecco i miei Beauty heroes del periodo! Voi ragazze cosa avete usato più spesso ultimamente?

09 febbraio 2018

RECENSIONE: Il diario proibito di Maria Antonietta di Juliet Grey

Buona lettura!
Titolo: Il diario proibito di Maria Antonietta
Autore: Juliet Grey
Pagine: 384
Prezzo: 9,90€

Editore: Newton Compton


Trama

Vienna nel XVIII secolo è una delle città più affascinanti e ricche d’Europa. Maria Antonietta, la giovane arciduchessa d’Austria, è cresciuta qui, nel lusso più sfrenato e nella magnifica opulenza della corte imperiale.
La sua è una vita fatta di balli, ricevimenti e feste; i suoi amici sono nobili e re, i suoi parenti decidono i destini di interi popoli. Ma l’immagine di felicità e perfezione che la circonda è destinata a dissolversi. Sua madre, la rigida imperatrice Maria Teresa, è pronta a sacrificare persino i figli alla ragion di Stato. E ben presto, per la giovane principessa, il tempo delle scintillanti serate di gala e dei magnifici banchetti finisce: le logiche del potere la obbligano a sposare un ragazzo goffo e scontroso, il futuro Luigi XVI, e a partire per la Francia. La strada per diventare regina è lunga e insidiosa: nessuno è al suo fianco per aiutarla ad affrontare intrighi, gelosie di corte, nemici interni ed esterni e la rivoluzione. Maria Antonietta è sola, e ha un compito troppo grande. Il ritratto vero e appassionato di una donna che è diventata una leggenda nera, che ha suscitato odio e invidia, ma che è stata anche una grande vittima della storia.



Primo libro di una trilogia pubblicata in Italia da Newton Compton, “Il diario proibito di Maria Antonietta” è una biografia romanzata incentrata sulla figura di una delle più famose regine francesi.

Questo primo libro della trilogia racconta la vita di Maria Antonietta dalla sua prima giovinezza in Austria con le sue sorelle e con la sovrastante ombra di sua madre, la regina Teresa, fino al momento in cui, dopo diversi anni dal suo matrimonio con Luigi Augusto, da delfina diventa regina di Francia.

Prima di dirvi la mia su questo libro vorrei sprecare alcune parole su due cose: il formato e la presentazione del libro. Ho acquistato i primi due volumi della edizione super economica, quindi di dimensioni più piccole, ma, attualmente, il terzo è uscito solo in edizione “normale”. Praticamente è successa una cosa che odio: ho i primi due libri piccoli e il terzo parecchio più grande. Non capisco il perché pubblicare a metà l’edizione economica! Insieme a questo, la presentazione del romanzo, sia per le frasi sulla cover che per il dorso rosa, mi hanno indotto a credere che questa fosse una biografia fortemente romanzata e incentrata sul lato romantico della storia. Invece, con mio sommo piacere, il risvolto romance (almeno in questo primo libro) non è quasi per nulla presente. Queste scelte comunque non le condivido particolarmente.
Passando al romanzo, che come avete capito non era esattamente ciò che mi aspettavo, devo dire che a parte alcuni momenti ripetitivi e monotoni, l'ho trovato interessante e non mi sono pentita di aver acquistato i seguiti.
Maria Antonietta, all'inizio del libro, è una giovane principessa della nidiata della regina Teresa d'Austria; la ragazza vive spensierata la sua infanzia insieme alle sue sorelle ma sa già che il suo destino è quello di essere data in sposa a un uomo scelto seguendo le necessità politiche o economiche del suo paese. Nella sua prima adolescenza inizia a vivere una serie di traumi che la segneranno profondamente per il resto della sua vita infatti, perde due sorelle a caos a di una malattia ed inoltre le trattative per il suo futuro matrimonio sono difficili e controverse. Sua madre Maria Teresa e suo fratello decidono che il partito migliore una per la giovane Maria Antonietta è il delfino di Francia quindi, per essere all'altezza della corte francese, da ragazza è costretta a sottoporsi a una serie di cambiamenti estetici che la frustrano molto e la rendono molto insicura. Tutta la prima parte del libro è concentrata su questi momenti mentre la seconda tratta i suoi anni da Delfina accanto a suo marito con le preoccupazioni relative alla mancata consumazione del matrimonio, al carattere lunatico del re e soprattutto ai terribili intrighi della corte francese che lei, ingenua e piuttosto campagnola, non è pronta ad affrontare.
Ciò che mi ha colpito particolarmente durante la lettura è la pressione subita da Maria Antonietta nella maggior parte della sua vita, prima dalla sua austera madre e poi da tutta la gente falsa presente a Versailles. Proprio in questo palazzo così grandioso e spettacolare la protagonista vede solo l'artificiosità dei riti e la loro monotonia: si sottopone di malavoglia a tutta una serie di obblighi nei confronti dei cortigiani che riempiono la sua vita rendendola però noiosa e ripetitiva. Oltre a ciò, il suo cruccio maggiore è quello della mancata consumazione del suo matrimonio infatti, il suo consorte è timido e impacciato e tende più a fuggire da sua moglie piuttosto che cercare di avere un erede al trono.
In tutto questo, c'è davvero poco spazio dedicato alla tematica amorosa poiché Maria Antonietta non ha ancora mai provato il vero amore, tranne che per quello per le sue sorelle. I suoi rapporti interpersonali sono strettamente controllati sia in Francia che in Austria e quindi la sua vita è costantemente sotto pressione ed è scandita da continui problemi di politica e di società.
Come già detto all'inizio, il libro mi è piaciuto, ci sono alcune parti meno scorrevoli di altre e quindi più difficoltose da leggere ma, nel complesso ho apprezzato questa biografia romanzata a cui assegno di tre stelline mezzo e che proseguirò sicuramente.

Lya

07 febbraio 2018

What's next? | 6 febbraio 2018

Buongiorno lettori e passanti,
oggi è mercoledì e quindi si va con il What's next?!



- Cosa ho appena finito di leggere?
Ho finito proprio ieri sera questo romanzo della Kalogridis e non mi ha particolarmente entusiasmato. Ottima l'ambientazione storica che ho trovato davvero ineccepibile ma la storia narrata è piuttosto "breve" e poco densa. Non so, sto scrivendo la recensione e ci sto meditando sopra.

- Cosa sto leggendo?
Ho iniziato le prime pagine di un grande classico nostrano, "L'isola di Arturo" della Morante. Da ignorante per quanto riguarda la letteratura italiana del 900 ho voluto iniziare a leggere qualcosa proprio da quest'autrice. Ho davvero grandi speranze e aspettative per la challenge che mi sono prefissata!

-Qual è il prossimo libro che leggerò?
Davvero non ne ho idea, come sempre molto dipende dalla lettura che ho in corso e da che sensazione mi lascia. Io e le tbr non andiamo per nulla d'accordo XD

Quali libri sono sul vostro comodino? ^^

06 febbraio 2018

I preferiti del mese: gennaio 2018

Buon pomeriggio lettori e passanti,
dopo un po' di latitanza, sono tornata con la rubrica dei preferiti del mese. ^^
Ci ho messo un pochino a decidere cosa effettivamente ho preferito durante gennaio e quindi ecco le mie scelte ^^


L'agenda Mr. Wonderful: Acquisto tanto desiderato che sto davvero amando e sfruttando. Fino allo scorso anno non ero una ragazza da agenda ma, dopo aver usato il bullet journal per un anno, ho scoperto di apprezzare moltissimo la possibilità di scrivere e organizzare le mie giornate. Questa agenda è colorata, piena di frasi simpatiche e motivazionali, stickers e post-it ma manca una visione mensile all'inizio di ogni mese e lo spazio dedicato al sabato e la domenica è davvero troppo misero. Comunque la sto adorando!

Clarisonic mia 2: regalone di Natale, lo sto usando da un mesetto e sto vedendo dei buoni risultati sul mio viso. Quel minutino serale mi aiuta a rilassarmi oltre che a pulire bene il viso da ogni residuo di trucco o smog. La testina che ho trovato non è perfetta per il mio viso e sto già puntando un'altra, la radiance, che comprerò verso fine marzo per sostituire la prima (visto il costo non proprio irrisorio ho deciso di cambiare la testina ogni 4 mesi e non 3, come consigliato, cercando di tenere quella che ho pulita e ben disinfettata).

Kidult "Infinito": altro regalo che ho ricevuto di recente ma che sto amando. Il braccialetto è oro rosa, è rigido e resistente e si abbina bene a tutto ciò che ho. Credo che mi regalerò o mi farò regalare qualcun altro, magari con la frase incisa.

Ecco qui i miei preferiti non librosi del mese di gennaio! Quali sono i vostri??

05 febbraio 2018

Uscite della settimana: dal 5 all'11 febbraio 2018

Buon pomeriggio lettori e passanti,
oggi sono di corsissima e vi faccio vedere al volo cosa uscirà questa settimana in libreria!


Ecco le scelte di oggi:

Il cacciatore di orfani di [Sigurdardottir, Yrsa]Titolo: Il cacciatore di orfani
Autore: Yrsa Sigurdardottir
Pagine: 408
Prezzo:19,50 euro
Editore: Mondadori
Genere: Thriller
Data di pubblicazione: 6 Febbario 2018

Trama

Il rituale con cui è stato commesso l'omicidio allude chiaramente a una punizione. Ma quale colpa può giustificare una simile brutalità? L'unica persona in grado di rispondere è la figlia della vittima, una bambina di sette anni ritrovata nella stanza in cui sua madre è stata uccisa. Ma la bambina non parla.
Fresco di promozione, il detective Huldar si rivolge a Freyja, una psicologa specializzata in traumi infantili, per cercare di raccogliere indizi che solo la bambina può rivelare. A Freyja l'idea di collaborare con Huldar non va per nulla a genio: mai avrebbe pensato di trovarsi sul lavoro l'uomo incontrato per caso in un bar e con cui ha trascorso una notte occasionale.
Nel frattempo il killer non smette di mietere vittime e disseminare strani messaggi: una serie di indecifrabili combinazioni numeriche, rivolte particolarmente a un solitario radioamatore.
Perché? Quale oscuro messaggio nascondono?


Titolo: L'amante indecisa
Autore: Pedro Mairal
Pagine: 205
Prezzo:17 euro
Editore: Rizzoli
Data di pubblicazione: 6 febbraio 2018

Trama
Lucas Pereyra ha quarant'anni, è padre da poco ed è squattrinato. Ha chiesto alla moglie i soldi per poter andare a Montevideo a ritirare un cospicuo anticipo per due libri ancora da scrivere. Non è però questa l'unica ragione del suo viaggio in Uruguay. Abbagliato dal ricordo di una giovane donna incontrata qualche mese prima, e sopraffatto dalle necessità e dalle stanchezze di un matrimonio messo alla prova dalla nascita di un figlio, Lucas sogna di usare questa partenza per fuggire e non tornare più. Lontano da Buenos Aires e immerso in una città idealizzata - «come nei sogni, a Montevideo le cose mi apparivano familiari però diverse. Erano, eppure non erano» -, sceglie di abbandonarsi alla bellezza di una donna uruguayana, Magalí Guerra, e di consumare un tradimento che assumerà esiti del tutto inattesi. "L'amante indecisa" è un romanzo inquietante, disincantato e dotato di un sarcasmo a tratti feroce; una storia che racconta il desiderio e le ferite dell'amore, la necessità furiosa di capire cosa vogliamo e cosa siamo disposti a perdere per averlo.

Titolo: Fandom
Autore: Anna Day
Pagine: 250
Prezzo: 15,90 euro/ebook 6,99
Editore: De Agostini
Data di pubblicazione: 6 febbraio 2018

Trama

Finalmente il gran giorno è arrivato, Violet è pronta. Pronta per incontrare gli attori che hanno portato sul grande schermo il suo romanzo preferito, La Danza delle forche. Violet lo sa recitare a memoria, ne conosce ogni battuta. Se potesse esprimere un desiderio, chiederebbe di poterci vivere dentro ed essere Rose, la protagonista perfetta. Dovendo fare i conti con la realtà, Violet si accontenta di presentarsi all’evento come cosplayer di Rose e mettersi in fila per l’autografo dei suoi idoli. Soprattutto per quello dell’attore che interpreta Willow, l’eroe più bello di sempre – darebbe ogni cosa per far colpo su di lui. Proprio nel momento in cui il ragazzo si complimenta con lei per il suo costume accade qualcosa di inaspettato. Un terremoto. Urla. Il buio. Violet riapre gli occhi e qualcosa è cambiato. Le guardie corrono ovunque impazzite. Ma è solo quando un proiettile colpisce Rose e la ragazza cade a terra esanime che Violet capisce. Capisce che adesso non è più solo a un evento in costume per appassionati di fantasy. Adesso quella è la realtà. Adesso lei è dentro la storia e la protagonista del suo romanzo preferito è appena morta. Violet ora può fare solo una cosa: prendere il suo posto, ripassare le battute e vivere la storia fino alla fine… E sperare che tutto vada come è stato scritto.


Vi attira qualcosa? ^^
Io potrei dare una possibilità a "Fandom" che sembra davvero molto carino ;)

04 febbraio 2018

Ricapitoliamo: gennaio 2018

Buonsalve lettori e passanti,
anche per questo 2018 vorrei proporvi un recap mensile delle attività del blog. Spero possa aiutarvi a trovare qualche spunto.

LIBRI LETTI


PAGINE LETTE
3251

RECENSIONI DI GENNAIO
POST DEL MESE VARI ed EVENTUALI
ACQUISTI E REGALI
Per gennaio nessuna new entry cartacea purtroppo

TBR DI FEBBRAIO
La sposa dell'inquisitore di Jeanne Kalogridis
Siege e storm di Leigh Bardugo
Mezzanotte alla Libreria delle Grandi Idee di Matthew Sullivan
La donna del bosco di Hannah Kent

Ecco il mio recap del mese appena terminato ;)

02 febbraio 2018

Aggiornamento Reading Challenges: gennaio 2018

Buonsalve lettori e passanti,
eccomi qui con il primo aggiornamento delle mie sfide personali per il 2018!

LA SFIDA DI GOODREADS:
7/65
Il tuo anno perfetto inizia da qui - Charlotte Lucas
Forse un giorno - Colleen Hoover
Il risveglio dell'assassino - Robin Hobb
La furia dell'assassino - Robin Hobb
Il destino dell'assassino - Robin Hobb
La rilegatrice di storie perdute - Cristina Caboni
Una ragazza bugiarda - Ali Land

LA SFIDA DEL COMODINO:

1- Espiazione - I. McEwan
2- 1984 - George Orwell
3- Non lasciarmi - Kazuo Ishiguro
4- Olive Kitteridge - Elizabeth Strout
5- David Copperfield - Charles Dickens
6- La dama in bianco - Wilkie Collins
7- La sposa dell'inquisitore - Jeanna Kalogridis
8- L'usignolo - Kristin Hannah
9- Forse un giorno - Colleen Hoover GENNAIO 2018
10- Una canzone quasi dimenticata - Katherine Webb
11- La corsa delle onde - Meggie Stiefvater
12- Nord e sud - Elizabeth Gaskell

13- Tamburi d'autunno - Diana Gabaldon

LA SFIDA DEI THRILLER/GIALLI:
1/8
Una ragazza bugiarda - Ali Land

LA SFIDA DEI LIBRI IN LINGUA:
0/6

LA SFIDA DEI CONTINENTI: SFIDA BIMESTRALE
In questa sfida vorrei riuscire a leggere almeno un libro per continente, facendo riferimento alla nazionalità dell'autore. Quindi viaggerò per Europa, Asia, Africa, America del sud, America del nord e Oceania/Australia. 

LA SFIDA DEI CLASSICI ITALIANI DEL 900:
Ancora nessuno.

Ecco com'è iniziato il mio 2018

5 cose che...5 libri che vorrei vedere sul grande schermo

Buongiorno lettori e passanti,
anche se è un po' ballerina, sto cercando comunque di portare questa carinissima rubrica ideata dal blog Twins Books Lovers nel mio spazio online.
Come da titolo, la "classifica" odierna riguarda i 5 libri che vorrei vedere sul grande schermo. Devo ammettere che con l'avvento di Netflix non ho quasi più guardato film, preferendo di gran lunga le serie tv ma, ogni tanto, un filmetto ci sta!
Ho deciso di spulciare affondo nella mia libreria e quindi proporrò delle perle abbastanza vecchiotte.


1- "Il giardino dei segreti" di Kate Morton: ho letto diversi libri di questa autrice e mi sono sempre piaciuti. Credo che quello che ho scelto sia davvero perfetto per il grande schermo poiché racconta la storia di una donna alla ricerca delle sue origini a partire dai pochi oggetti in suo possesso.
2- "La sonnambula" di Essie Fox: l'ho lessi davvero molto tempo fa ma ho un ricordo abbastanza nitido della storia narrata, così misteriosa e con un'ambientazione molto nelle mie corde. (Se riuscite a recuperare il libro fatelo!)

3- "Verde oscurità" di Anya Seton: libro storico davvero notevole, come tutti gli altri dell'autrice, che ha una componente magica e misteriosa che penso possa essere perfetta sul Grande schermo.

4- "Magic" di Victoria Schwab: scelto per avere nella classifica qualcosa di più recente. Credo che sul grande schermo questa storia possa dare grandi soddisfazioni. 

5- "La sala da ballo" di Anna Hope: libro letto nel 2017 che mi è piaciuto moltissimo e che vedrei sicuramente se esistesse un film.


Quali sono le vostre scelte? Le mie sono piuttosto sui generis ^^

01 febbraio 2018

Classici da...libreria: L'abbazia di Northanger di Jane Austen

Buona lettura a tutti!


Titolo: L'abbazia di Northanger
Autore: Jane Austen
Pagine: 212
Prezzo: 9 euro
Editore: Garzanti

Trama

Una storia d'amore sboccia nella cittadina termale inglese di Bath tra un giovane e benestante pastore anglicano e la protagonista del romanzo, Catherine Morland. Creduta una ricca ereditiera, Catherine viene invitata dal padre del fidanzato nella residenza di famiglia, l'ex-abbazia di Northanger. Qui la protagonista vive, in uno scambio tra fantasia e realtà, banali eventi quotidiani alterandoli alla luce di immaginarie atmosfere di terrore, tanto da mettere a repentaglio il rapporto sentimentale appena nato. Celebrazione dei riti d'iniziazione sociale della borghesia inglese di provincia, quest'opera della Austin rappresenta una sottile parodia del romanzo sentimentale e soprattutto del romanzo gotico.

Finalmente, dopo anni che desideravo finire tutti i libri scritti della Austen (o almeno i più famosi), sono riuscita a leggere e ad apprezzare “L’abbazia di Northanger”.

La protagonista della storia è, come sempre, una giovane donna proveniente dalla campagna che sperimenta sulla sua pelle il brivido della scoperta e dell’avventura anche se non nel mio che aveva immaginato. Catherine, ha sempre vissuto con una famiglia numerosa e comportandosi spesso come un maschiaccio finché, arrivata la sua adolescenza è sbocciata ed è diventata una ragazza carina e di buon cuore. Il suo soggiorno a Bath con dei vicini e il suo successivo trasferimento nell’abbazia di Northanger, casa di nuovi amici, le aprono le porte del mondo.


Devo dire di aver apprezzato il romanzo, non tanto per la storia narrata che è abbastanza prevedibile e carina, ma soprattutto per gli interventi diretti della Austen. Mi spiego meglio. Sin dalle prime pagine del romanzo la Austen ironizza pesantemente su molti argomenti e situazioni tipici dell’essere donna a quell’epoca e inserisce queste sue poco velate critiche all’interno della storia. Questo suo criticare e ironizzare sui dialoghi e sulle situazioni femminili, fa comprendere come lei sia stata una donna eccezionale e molto fuori dal suo tempo. La Austen gioca su questa dualità di narratrice onnisciente/giudice e sulla semplicità e la bontà d’animo della sua protagonista, dando al libro una marcia in più che mi è molto piaciuta. Insomma, se da una parte c’è una donna che guarda con criticità al bon ton delle ragazze dell’epoca, dall'altra c’è Catherine che fa di ogni piccola esperienza un grande tesoro gioendo di ogni nuova amicizia frivola. Oltre a questo, la Austen inserisce anche delle recensioni indirette ai romanzi gotici delle altre donne scrittrici più in voga dell’inizio dell’ottocento. Sinceramente mi sono segnata un paio di titoli che mi hanno interessata.
Questa presenza, quasi ingombrante, della scrittrice è sicuramente il punto vincente del romanzo che, come ho detto prima, racconta una storia abbastanza semplice e“piatta”. Catherine, dopo una vita spensierata in campagna, si reca a Bath con dei conoscenti e qui fa la coscienza con diverse giovani dame e galanti gentiluomini. Si vengono a creare delle situazioni imbarazzanti per la ragazza che, dopo alcune settimane, decide di accettare l’ospitalità dei Tilney, fratello e sorella, che vivono con il padre in un’antica abbazia. Contagiata dalle letture gotiche, Catherine si aspetta di vivere un’incredibile avventura alla scoperta di passaggi segreti e tesori nascosti ma rimane piuttosto delusa. Si creano altre situazioni difficili dettate da invidie e gelosie e poi tutto si risolve in meglio. Come vedete il racconto non è nulla di particolarmente indimenticabile ma comunque mi è piaciuto e mi sono divertita parecchio a vivere nella mia mente la dualità dell’autrice. La parte che ho più apprezzato (oltre agli interventi della Austen) e che ho sentito molto vicina a me è quella relativa ai sogni ad occhi aperti della protagonista: lei è in grande fermento per la possibilità di abitare in un luogo così antico e carico di storia come l’abbazia e quindi lascia viaggiare la sua fantasia facendosi dei veri e propri film che la portano completamente fuori strada. Da lettrice sfegatata di romanzi storici, anche io certe volte lascio libere le redini della mia fantasia e quindi sono riuscita ad immedesimarmi nella protagonista, divertendomi enormemente.
Per queste ragioni ho deciso di assegnare 3 stelline e mezzo al libro che non sarà il più memorabile dalla Austen ma che comunque è degno di essere letto.

Lya

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...