31 agosto 2014

We love movies: Divergent

Ultimamente mi sto staccando un po' dalle serie tv, ho fatto una vera scorpacciata in questi mesi, e sto tornando ai film, quindi rieccomi con la rubrica "We love movies"!
Finalmente ho avuto il coraggio di vedere Divergent:

Trama
Tratto dal best seller di Veronica Roth, Divergent è un'avventura ambientata in un mondo futuristico, dove le persone sono divise in distinte fazioni sulla base delle loro personalità. Beatrice "Tris" Prior (Shailene Woodley) è una "divergente" e non può essere inserita in nessuno dei gruppi esistenti. Quando scopre una cospirazione per eliminare tutti i divergenti, deve capire perché essere diversi è così pericoloso e temibile, prima che sia troppo tardi. 

Mio pensiero
Dopo tanti tentennamenti ho deciso di vedere Divergent, il film tratto dal libro distopico di Veronica Roth che ho adorato dalla prima lettura. Ho atteso perché solitamente le trasposizioni cinematografiche di questa tipologia di libri per un pubblico young non è sempre fatta a regola d'arte; per esempio ho trovato Shadowhunters il film abbastanza scarso mentre ho adorato il libro. Per evitare di innervosirmi ho rimandato ma, alla fine, la curiosità ha avuto la meglio e ho visto divergent e ne sono rimasta colpita positivamente. La storia è fedele e i personaggi credibili, il tutto condito con una bella ricostruzione degli ambienti dove si svolge il tutto. L'attrice protagonista è forse l'unica che non mi ha convinta moltissimo, immaginavo Tris diversa e più "interessante" come presenza, mentre per la scelta degli altri attori non ho nulla da dire soprattutto per quanto riguarda Quattro. Insomma, mi è piaicuto e mi sono pentita di non essere andata a vederlo al cinema come ho fatto con Hunger games e molto probabilmente per Insurgent non aspetterò.


Voilo avete visto? Cosa ne pensate? ^^

29 agosto 2014

What's next?149

Buon venerdì amici lettori^^in questi giorni di fine agosto, vediamo quali letture ci hanno fatto compagnia!

Lya:
What did you recently finish reading? (Cosa hai appena finito di leggere?) 
 
What are you currently reading? (Cosa stai leggendo?) 

What's next? (Qual è il prossimo?) 

Isy
What did you recently finish reading? (Cosa hai appena finito di leggere?) 

What are you currently reading? (Cosa stai leggendo?) 

What's next? (Qual è il prossimo?) 

E voi cosa leggete di bello in questo periodo?^^

28 agosto 2014

30 giorni...Disney (16)

Ciao ciao amici lettori! Rieccoci oggi a rispondere alla nuova domanda della rubrica dedicata ai più piccoli: 30 giorni di Disney^^

16) Canzone preferita

Isy
Cavolo! Che domanda difficile! Io le adoro tutte! >-< Forse quella che più amo è: "Una Storia sai" tratta da "La Bella e la Bestia", subito seguita da "Riflesso" del cartone animato "Mulan" e "Voglio diventar presto un re" tratto da "Il Re Leone) (sono le 3 canzoni che canto di più!^^)
(video preso dal canale di Gabriel Greco)

Lya
"Riflesso" tratto dal film Mulan e da pochissimo anche "Let it go" tratto da Frozen
(video preso dal canale di Alessio Parisini)

E la vostra canzone prefertita qual è? Linkateci il video nei commenti^^

27 agosto 2014

ANTEPRIMA: La lettrice che partì inseguendo un lieto fine di Katarina Bivald

Ecco un'altra anteprima interessante!



Titolo: La lettrice che partì inseguendo un lieto fine
Autore:Katarina Bivald
Pagine: 384 Prezzo: 16.90€ 
Editore: Sperling & Kupfer Data di uscita: 2 Settembre 2014


Sara: svedese, mai partita dalla Svezia. 28 anni, nessun incontro fatale da dichiarare. Lettrice vorace, motto: se proprio devi uscire di casa, portati un libro di emergenza. Fino al giorno in cui riceve la lettera di Amy... Amy: Americana, 65 anni, spalanca a Sara una finestra sulla vita. Le dimostra che è possibile amare la lettura senza per questo isolarsi dal mondo. Perché è bello condividere ogni piccolo momento prezioso, anche se si tratta di un romanzo. In quella corrispondenza, Sara scopre l'incantesimo di un'amicizia vera. E, colpo di scena, decide di partire per andarla a conoscere. Ma, arrivata nella sperduta città di Broken Wheel, Sara non troverà Amy ad attenderla: il suo finale, purtroppo, è arrivato prima del previsto. Ci saranno però tutti gli eccentrici abitanti descritti da Amy nelle sue lettere. E in loro Sara troverà amicizia, amore ed emozioni da vivere sulla pelle: finalmente da vera protagonista della propria vita.

ANTEPRIMA: The maze runner La rivelazione di James Dashner

FINALMENTEEEEE! Stavo per perdere ogni speranza e stavo per comprarlo in inglese! Dopo ben due anni dalla pubblicazione de "La via di fuga", secondo libro della serie fantascientifica di James Dashner, eccoci con La rivelazione! Non vedo l'ora di averlo tra le mie manine!

Titolo:The maze runner La rivelazione
Autore: James Dashner
Pagine: 344
Prezzo: 14,90 euro
Editore: Fanucci
Serie: Themaze runner series 3#
Data di pubblicazione: 28 agosto 2014



Thomas sa di non potersi fidare delle menti malvagie che fanno parte della C.A.T.T.I.V.O., l'organizzazione che continua a tenere sotto scacco lui e gli altri Radurai, i sopravvissuti al Labirinto. Il tempo delle menzogne è finito, gli ripetono, i loro ricordi sono stati ripristinati e le tremende Prove cui sono stati sottoposti sono terminate. Sostengono di aver raccolto tutti i dati di cui avevano bisogno, ma di dover fare ancora affidamento su di loro per un'ultima missione: tocca ai Radurai trovare una cura per l'Eruzione, lo spietato morbo che conduce alla follia. Ma accade qualcosa che nessuno degli uomini della C.A.T.T.I.V.O. poteva prevedere: i ricordi di Thomas si spingono molto più lontano di quanto possano anche solo sospettare, fino alla verità. Il ragazzo adesso ha la conferma: non può credere a una sola parola di quello che dicono. E i suoi ricordi gli rivelano che dovrà fare molta attenzione, se vuole sopravvivere, perché la verità è più pericolosa della menzogna. 

La serie è composta da:
La rivelazione
+ prequel

26 agosto 2014

Teaser Tuesday 108

Buon martedì amici lettori. Ormai anche agosto è agli sgoccioli e davvero l'estate sta finendo (ah, ma non è iniziata 2 settimane fa!!? ç.ç).
Eccomi oggi a presentarvi un breve estratto del romanzo attualmente in lettura.
Sto leggendo:
"Il sole fa capolino all'orizzonte, proiettando il suo calore su tutta Bangkok. Scorre come lava sulle vestigia diroccate della vecchia Espansione e sui chedi dorati dei templi cittadini, avvolgendoli nella luce e nel caldo Incendia i tetti affilati del Palazzo Reale, dove la Regina Infanta vive reclusa con i suoi servitori, infiamma le decorazioni frastagliate del tempio di Lak Muaeng, dove i monaci non smettono mai di intonare melodie di intercessione per le dighe marine e gli argini della città. Mentre il sole avanza bruciando. l'oceano caldo come sangue tremola e le onde blu cristalline luccicano.
Il sole colpisce il balcone al quinto piano dell'appartamento di Anderson Lake e penetra all'interno. Viticci di gelsomino al limitare della veranda frusciano per la brezza calda. Anderson alza lo sguardo, occhi azzurri contro il bagliore accecante. Perle di sudore si formano e baluginano sulla sua pelle pallida. Oltre la balaustra, la città sembra un mare di magma, oro scintillante dove guglie e vetro ricevono l'impatto frontale del sole.
é nudo nel caldo, seduto per terra, circondato da libri aperti: cataloghi di flora  e fauna, appunti di viaggi,, l'intera storia della penisola del Sud-Est Asiatico disseminata sul pavimento in teak."


RECENSIONE: Il gabbiano Jonathan Livingston di Richard Bach

Buona lettura!

Titolo: Il gabbiano Jonathan Livingston
Autore:Richard Bach
Pagine: 112
Prezzo: 8 euro
Editore: BUR

Trama
 Jonathan Livingston è un gabbiano che abbandona la massa dei comuni gabbiani per i quali volare non è che un semplice e goffo mezzo per procurarsi il cibo e impara a eseguire il volo come atto di perizia e intelligenza, fonte di perfezione e di gioia. Diventa così un simbolo, la guida ideale di chi ha la forza di ubbidire alla propria legge interiore; di chi prova un piacere particolare nel far bene le cose a cui si dedica. E con Jonathan il lettore viene trascinato in un'entusiasmante avventura di volo, di aria pura, di libertà. 


Recensione


Più curiosa che altro ho letto questo libriccino in meno di un'ora e mi ha stupito. Personalmente evito i libri così piccoli perché non sono in grado di "gustarmeli" come si deve, ma in questo caso la lettura mi ha assorbito e sono riuscita a non andare troppo veloce.

Il protagonista è appunto il gabbiano Jonathan Livingston che fa parte di un numeroso stormo; lui però è diverso dagli altri suoi compagni che si svegliano, cacciano, mangiano e dormono: lui vuole di più dalla sua vita. Sa che può avere di più. Per questo motivo inizia a sperimentare con il volo arrivando fino al limite massimo che il suo corpo gli consente e anche oltre.

Ok, detto così non sembra un libro particolarmente interessante, ma questa fiaba racconta molte cose proiettabili nella vita di tutti giorni. I temi trattati sono molti, alcuni più nascosti di altri: si parte dal concetto di massa contrapposta alla diversità, si narra del desiderio di andare oltre ciò che è routine, ciò che è conosciuto, si parla di sperimentare e cercare risposte sulla vita, fino ad arrivare alla fine del libro che è molto più spirituale e religioso. Jonathan Livingston mi è parso un precursore del mondo dei gabbiani poiché lui si sente sin dall'inizio diverso dai suoi simili e per questo si isola e cerca, attraverso tentativi, di imparare a volare diversamente, non per cercare il cibo, ma per il puro piacere di farlo, per il desiderio di superare i propri limiti. Questo suo voler andare oltre spinge gli altri gabbiani a disprezzarlo e isolarlo ulteriormente e ciò lo porta lontano dal suo nido, in un luogo quasi mitologico che gli sembra un paradiso dove impara molto su se stesso e sugli altri.
Riportando questa favola al mondo degli umani, ho rivisto nella prima parte del libro ciò che accade per quanto riguarda la reazione della massa alle novità rivoluzionarie che spaventano e insospettiscono e che portano a reagire anche in modi violenti, mentre nella seconda parte, quella più spirituale, una rivisitazione volatile di Gesù.
Insomma, senza indugiare oltre, credo che questo sia un libro davvero particolare che vale la pena di leggere tenendo conto però della doppia chiave di lettura che permetta al lettore da una parte di godesti una favola sul volo, dall'altra di riflettere su alcuni temi di forte impatto sociale.

Lya


25 agosto 2014

Interesting book 152

buongiorno lettori,
Eccomi a presentarvi du libri che hanno destato il mio interesse!

Le proposte di oggi per la rubrica sono davvero particolari! Il primo èun romanzo di un autore italiano che parla di libri,editoria ...e di formaggio, menre il secondo è una recente interpretazione di uno dei più grandi investigatori di tutti i tempi: Sherlock in Giappone!


Titolo: La banda del formaggio
Autore: Paolo Nori
Pagine:224
Prezzo: 15 euro
Editore: Marcos y marcos

Trama
Ermanno Baistrocchi fa l'editore.
Va in giro a far notare le impercettibili differenze tra i suoi libri e quelli delle altre case editrici.
Paride Spaggiari fa il libraio. Invita Ermanno nella sua libreria e poi gli fa delle telefonate bellissime, tutte piene di zioboja, ma non sono zioboja d'impazienza, sono come il basso che suona l'un due tre di un valzer, i suoi discorsi sono dei valzer, mettono di buon umore.
Poi quando Ermanno ha la possibilità di comprare tre librerie Paride si offre di diventare suo socio, che si trova con una certa liquidità.
E per quindici anni Ermanno, tutto quello che fa, ne ha prima parlato con Paride.
Poi salta fuori il buridone che i soldi per le librerie a Paride venivano dalla banda del formaggio, come se i delinquenti a Parma fossero tutti della gente che non vedeva l'ora di comprarsi una libreria, come se avere una libreria fosse una specie di status symbol per i ladri.
E finisce che Paride si butta giù dal settimo piano, e dicono che sia stato per via dei giornali, per via di quello che avevano scritto sopra i giornali, ma secondo Ermanno non era mica per quello.

La banda del formaggio è la storia di un editore che un giorno sull'autobus prova affetto per il suo cuore che batte, e gli verrebbe da ricominciare.
È la storia di un libraio che il delinquente avrebbe voluto farlo come Raskol'nikov, o come il conte di Montecristo, e che ha lasciato a suo nipote, che ancora non c'è, una filastrocca che Ermanno impara a memoria, per lasciarla anche al suo, di nipote, che chissà se mai ci sarà.



Titolo: Strane avventure di Sherlock Holmes in Giappone
Autore: Furutani Dale
Pagine: 256
Prezzo: 15 euro
Editore: Marcos y marcos

Trama
 Strani questi stranieri che si lavano poco, mangiano il loro dio per adorarlo e non sanno nascondere le emozioni.
Più strano di tutti quest'uomo allampanato che il dottor Watanabe ha accolto in casa sua: si spaccia per un esploratore norvegese, ma ha l'accento inconfondibile di Londra e il desiderio febbrile di indagare.
Anche una cittadina sonnacchiosa come Karuizawa ha la sua dose di sangue e disavventure, e a un medico, se è un buon medico, tutti chiedono consiglio.
Voci sinistre nel buio che fanno impazzire un uomo, progetti navali trafugati, un missionario che precipita nel vuoto: per essere ospitale sino in fondo, il dottor Watanabe offre al suo ospite i misteri che approdano al suo ambulatorio.
Non sa che lo spilungone in grado di stupire tutti con le sue deduzioni è il grande Sherlock Holmes, in incognito in Giappone per sfuggire al suo peggior nemico.
Non lo sa, ma è fiero di fargli da interprete di lingua e cultura giapponese, e di assisterlo con il suo buon senso.
Di caso in caso l'alleanza si stringe e dalla stima nasce un'amicizia.
Finché, vincendo il tipico riserbo giapponese, il dottor Watanabe apre il suo cuore al forestiero e gli svela una ferita mai sanata.
Risolvendo l'ultimo mistero, sarà Sherlock Holmes il buon medico che guarisce l'amico dalle ombre del passato.


 Cosa ne pensate?

24 agosto 2014

We love movies: Cattivi vicini

Dopo secoli e secoli eccomi di nuovo tornata la cinema!
Ecco la scemata che sono andata a vedere con il mio ragazzo:
Trama
Kelly (Rose Byrne) e Mac (Seth Rogen) si trasferiscono con il loro bambino in un quartiere tranquillo fino a quando una confraternita universitaria si trasferisce nella casa accanto. Il presidente Teddy (Zac Efron) e il suo braccio destro Pete (Dave Franco) accettano sul momento l’amicizia della coppia ma, notte dopo notte, i dissidi tra loro aumentano all’aumentare del rumore prodotto dagli studenti, iniziando una vera e propria guerra senza esclusione di colpi.

Mio pensiero
Complice il caldo afoso e l'umidità al 90% con in più il fatto che avevo due biglietti gratis da utilizzare al cinema, ho deciso con il mio ragazzo di andare in una bella sala refrigerata. Tra la poca scelta, abbiamo optato per questo film per farci quattro risate consapevoli che sarebbe stata una pellicola stupida...ma tanto era gratis!
Questo film è decisamente una grande americanata esagerata e stupida che però ci ha fatto ridere abbastanza, oltre che a farci godere della fresca aria del cinema. La storia era semplice: una neo famiglia con una bella casa in periferia viene disturbata dai nuovi vicini, una confraternita maschile del college di zona. Tra scene sensulai e taaante ridicole e al limite dell'assurdo, il film va avanti tra tentativi maldestri di far cacciare la confraternita da quella casa per riconquistare la tranquillità dimostrando però di essere ancora giovani e in grado di divertirsi. Insomma, una robetta leggera leggera e simpatica che non mi ha fatto pentire della scelta.
C'era una volta Zac Efron che cantava giovane e spensierato "what time is it? It's summer time!", ma quel tempo è decisamente cambiato perché qui fa la parte del muscoloso collegiale donnaiolo un po' stupido e complottista. Mi ha fatto abbastanza impressione!! XD
Il fiòm è accettabilem ma noncredo sarei andata a vederlo se non avessi avuto l'entrata gratuita ^^


22 agosto 2014

Libri da ombrellone 2014: Fazi

Buongiorlo lettori!
come procedono le vostre vacanze? Con ferragosto alle spalle molti sono tornati a lavorare ma molti altridevono ancora partire, quindi eccomi qui con dei ibri da portarvi sotto l'ombrellone!
Titolo: Il passato di Sara
Autore: Chevy Stevens
Pagine: 350   
Prezzo: 16,50 €
Editore: Fazi
Data di pubblicazione: 17 luglio 2014

Trama
Sara sta per sposarsi, trentaquattro anni, restauratrice di mobili antichi e madre di Ally, una bambina di sei anni nata da una relazione precedente. È una fase della vita costruttiva, ogni giorno è da affrontare con pienezza e Sara rovista nei pensieri, non smette di fare somme e sottrazioni, di definire se stessa quanto più possibile. Per questo le è inevitabile andare a cercare i propri genitori naturali: da figlia adottiva non li ha mai conosciuti, ma ora l’urgenza è inarrestabile, Sara è pronta per iniziare la ricerca delle proprie origini. Ma Julia Laroche, la madre naturale, appena se la trova di fronte la respinge con durezza, una reazione comprensibile sulle prime, che nasconde però un segreto custodito da oltre trent’anni. È da qui che iniziano a serpeggiare i primi sospetti di una storia molto più nera di quanto la donna potesse mai immaginare, nella quale si trova a dover fronteggiare le insidie di un padre il cui profilo umano è quel che di più basso possa realizzarsi nella nostra specie.

Narrato attraverso capitoli corrispondenti a una sequenza di sedute psicanalitiche, Il passato di Sara è il racconto di una discesa agli inferi, dove i pericoli sono mortali e minacciano ciò che di più caro ha la protagonista. Sara confessa le terribili scoperte incontro dopo incontro, attraverso quella che è ormai la cifra stilistica della sua autrice. Acuta narratrice di thriller psicologici, Chevy Stevens produce un romanzo in cui la suspence si dosa goccia a goccia fino al compimento di un intreccio perfettamente tessuto.

Titolo: Il lungo sguardo
Autore: Elizabeth Jane Howard
Pagine: 512
Prezzo: 17,50 euro
Editore: fazi

Trama
1950, Londra. Antonia e Conrad Fleming stanno aspettando gli ospiti per la cena di fidanzamento del figlio Julian. Ogni cosa è pronta nella bella villa sulla collina di Hampstead, da cui si gode una magnifica vista sulla città; la casa sta per accogliere, impeccabile, l’élite londinese che celebrerà l’occasione. Eppure la voce e lo sguardo di Antonia sono velati dal disincanto e dalla sensazione, quasi una certezza, che le cose, in fondo, sarebbero potute andare in modo diverso. Così si schiude il racconto del matrimonio ventennale dei Fleming, una vicenda che solca l’esistenza di marito e moglie dal presente fino al loro primo incontro, in un percorso a ritroso che ci porta a conoscere i due in giovane età, quando Antonia era la splendida adolescente che si faceva chiamare Toni. Il lungo sguardo non è una semplice storia d’amore, né il sogno romantico di una donna matura che si sente d’un tratto sola, ma è, più onestamente, la storia di una coppia. Dura e vera come solo una vita intera sa essere. E soprattutto è la storia di una donna, bellissima e inquieta, coraggiosa e perduta, e della sua forza nel mettere a nudo ogni controversia privata senza pudori. 

Ecco le proposte di oggi.. il primo romanzo mi incuriosisce perché mi è piaciuto moltissimo un'altro libro della stessa autrice, mentre il secondo mi attira soprattutto per la vita disastrosa dell'autrice ;)

21 agosto 2014

RECENSIONE mini: Un amore al mirtillo di Mary Simses

Buona lettura
 

Titolo: Un amore al mirtillo
Autore: Mary Simses

Pagine: 300 
Prezzo: € 16,00
Editore: Mondadori
Data di uscita: 03 giugno 2014

Trama

Quando Ruth, la sua adorata nonna, le chie­de di realizzare il suo ultimo desiderio prima di morire, Ellen Branford, giovane avvocato in carriera di New York, non esita un solo istante ad accettare e si mette subito in viaggio per esaudirlo: deve recapitare una lettera di Ruth al suo primo amore nella cittadina di Beacon, nel Maine, patria dei campi di mirtilli. Il giorno del suo arrivo, Ellen cade in acqua mentre sta facendo delle foto su un pontile e viene salvata da Roy, un affascinante sconosciuto che lei, presa dall'enfasi del momento, ringrazia baciandolo con passione. Il giorno dopo, la foto del bacio è sulle pagine di tutti i quotidiani del posto ed Ellen diventa una piccola celebrità locale. Lei, che tra l'altro è a un passo dal matrimonio con Hayden, un giovane di ottima famiglia, non sa che pesci pigliare, e tutte le sue certezze e la sua vita preordinata cominciano a vacillare. La gentilezza degli abitanti del luogo, i ritmi piacevoli della provincia e il delizioso cibo le fanno ben presto dimenticare la vita fatta di apparenze che conduceva a New York. Quando Hayden si presenta a Beacon, Ellen non può più mentire a se stessa e deve affrontare l'attrazione sempre più forte che prova per Roy e capire cosa vuole veramente per sé. Hayden o Roy? New York o Beacon? La risposta è tutta in un irresistibile muffin ai mirtilli.





Eccomi con una mini recensione tipica di questo periodo estivo! Il libro in questione è "Un amore al mirtillo" un romance senza troppe pretese che mi ha tenuto compagnia per qualche ora tra un bagno e un altro. Come saprà chi segue assiduamente il blog,queste non sono delle letture che mi fanno impazzire, ma tutto sommato questo libro non mi ha fatto storcere il naso.



La protagonista è Ellen, una giovane in carriere che per esaudire l'ultimo desiderio di sua nonna deceduta da poco, si reca in una piccolissima cittadina per consegnare una lettera. Questa missiva però porta ad un sacco d'interrogativi ed Ellen inizia ad indagare per scoprire qualcosa di più del passato di sua nonna, innamorata di un uomo di Beacon che decide all'improvviso di sposarne un altro conosciuto da poco. Tra un incidente, una sbronza e nuove e particolari conoscenze, Ellen inizia a riflettere anche su suo futuro da moglie di un deputato. Ma è davvero questo quello che desidera? Vuole una casa lussuosa a New York con un uomo famoso oppure un piccolo cottage dove esprimere se stessa?



Premetto che un piccolo pregio del libro è il fatto che la terza di copertina fa capire subito come andrà a finire la storia. Vi chiederete: Perché un pregio? Perché sapevo già cosa aspettarmi quindi tutti i dubbi della protagonista cadono in secondo piano rispetto quello che già immaginavo. Scusate se sono contorta, ma d'estate mi piace sia leggere libri impegnati, come dei classici, sia libri leggeri leggeri come questo perfetto per la spiaggia.

Ellen è un avvocato in carriera brillante che a breve sposerà il suo fantastico principe azzurro con un futuro che si prospetta tanto roseo quanto superficiale. Resasi conto, grazie all'esperienza ricostruita di sua nonna Ruth, che forse tutto quello che ha sempre desiderano in realtà non è ciò che il suo cuore vuole davvero, Ellen inizia una dura lotta con se stessa per riuscire a prendere una decisione che sarà definitiva.

In generale il libro è simpatico e piacevole per le diverse situazioni narrate, nulla di eccezionale o di coinvolgente ma si fa leggere tranquillamente e velocemente.

Ho deciso di assegnare 3 stelline calcolando che è comunque una leggera lettura estiva senza particolari pretese.



Lya

20 agosto 2014

ANTEPRIMA: The one di Kiera Cass

Un'altra serie dovrebbe andare...vi chiedete perché scrivo dovrebbe? Perché, la geniale autrice, stando a goodreads, ha deciso di aggiungere un quarto e un quinto libro alla serie :/
Personalmente i primi due libri hanno avuto dei pro e parecchi contro (QUI e QUI le mie recensioni) ma ho deciso di "terminare" la serie con quello che doveva essere l'ultimo volume e che per me comunque lo sarà. Già avevo notato che la storia, per quanto possa essere favolistica e carina, era troppo allungata, stereotipata e ripetitiva, bastavano due libri secchi, ora mi chiedo cosa ci metterà negli altri due libri? Bha... i misteri dela marketing e dell'editoria...
L'unica cosa che mi incuriosisce sono le cover che ho adorato in questi tre libri e che hanno contribuito a tener vivo il mio interesse.

Titolo: The One
Autore: Kiera Cass
Pagine: 324
Prezzo: 16,90 euro
Editore:Sperling & Kupfer
Data di pubblicazione: 9 settembre 2014


La Selezione che ha cambiato per sempre la vita di trentacinque ragazze sta per concludersi. E l’emozione e la confusione del primo giorno, quando America Singer ha percorso la scalinata del Palazzo, sono ormai solo un ricordo. Di certo America non avrebbe mai immaginato di arrivare così vicino alla corona, o al cuore del principe Maxon. Eppure per lei non è stato facile. Divisa tra i suoi sentimenti per Aspen, guardia a Palazzo e suo primo amore, e la crescente attrazione per Maxon, ha dovuto lottare con tutta se stessa per essere dov’è ora. A un passo dalla fine della Selezione, America però non può più permettersi incertezze. Deve scegliere. Prima che qualcuno lo faccia per lei.

La serie The Selection è così composta:

19 agosto 2014

Top ten tuesday: i libri più consigliati

Buongiorno ragazzi!
a partire da oggi ricominceremo a pubblicare più regolarmente posts sul nostro piccolo spazio virtuale... le vacanze stanno per finire purtroppo!
Il tema di oggi per la top ten è relativo ai libri consigliati da altri lettori...questa sarà una vera sfida per me perché solitamente sono io che dispenso consiglio librari agli altri! XD
Dunque, bando alle ciancie ed ecco la mia classifica!


1- George R.R. Martin - Le cronache del ghiaccio e del fuoco: sono già avanti nella lettura ma tutti me lo hanno consigliato, dal perfetto sconosciuto in libreria con cui mi sono sfidata per avere l'ultima copia disponibile ai miei amici.
2- Colleen Hoover - romanzi vari: è un'autrice che mi è stata consigliata da molte lettrici di romance...e io sto ancora cercando quello che mi conquisterà!
3- Haruki Murakami - opere varie: di cui ho già letto Norwegian wood
4-  Libba Bray - Gemma's trilogy: che mi è stata consigliata da moltissime persone..peccato che non riesca a reperire l'ultimo libro :(
5-  Josè Samarago -Cecità : consigliatomi da mia zia che adora quest'autore.
6- Paulo Coelho - romanzi vari: un consiglio di un mio amico anche se non sono molto convinta.. ho letto un romanzo di quest'autore e non mi ha particolarmente coinvolto. Mai dire mai però!
7-Umberto Eco - Il pendolo di Foucault: consigliatomi da una mia amica ma attenderò qualche altro anno prima di provarci.

e voi? Quali sono i libri che vi hanno consigliato i vostri amici e/o parenti?

14 agosto 2014

30 giorni di...Disney (15)

Ciao amici lettori! C'era una volta un blog incantato, che come ogni giovedì pubblicava


15) Bacio preferito

Isy
Quello tra Aladin e Jasmine. Complice l'atmosfera e un tappeto volante un po' birichino, il loro primo bacio è stato timido, ma romantico <3 font="">

Lya
Quello della Sirenetta, ovvero il primo bacio tra Ariel ed Eric

E i vostro bacio dei sogni qual è?

12 agosto 2014

Teaser Tuesdays 107

Buon pomeriggiolettori!
dopo un bel tuffo n mare eccomi a riportarvi un brano delle mie letture!
Attualmente ho in lettura due libri, uno in inglese e questo thriller che mi intrgava già a un po': La psichiatra di Wulf Dorn.

 «Buongiorno» disse Ellen.  
La figura dapprima non mostrò alcuna reazione; dopo un po’ sollevò il capo, lenta- mente, come al rallentatore, ma la luce era troppo scarsa per distinguerne il viso.  
«Sono la dottoressa Ellen Roth. Come si chiama?» 
Nessuna risposta.
«Posso avvicinarmi?»
 Silenzio.  
Ellen si accostò con cautela alla donna, che si rannicchiò ancora di più contro il calorifero. La dottoressa si mantenne a una certa distanza e si sedette sul letto. Era ancora intatto. Possibile che la donna avesse trascorso tutta la notte raggomitolata in  quell’angolo?  Da vicino l’odore della paziente era ancora più acre, ma Ellen resistette alla tentazione di aprire la finestra. Qualunque cosa le fosse accaduta, ciò che contava era che  si sentisse protetta in quella stanza buia e sigillata. Ellen non dubitò neppure per un  istante che fosse stata proprio la donna a chiudere la finestra e a tirare le tende. Se l’avesse socchiusa, quasi certamente l’avrebbe agitata e avrebbe reso vano qualsiasi tentativo di instaurare un dialogo. Quanto meno all’inizio.   
Okay, dottoressa, adesso devi assumere un comportamento professionale, anche se avresti voglia di tapparti il naso e scappare dalla camera. Ora devi assolutamente stabilire un rapporto di fiducia e respirare dalla bocca. Una volta conquistata la fiducia, provvederemo a far entrare un po’ d’aria fresca in questa camera.  Guardò la donna, sempre più rincantucciata contro il muro, quasi volesse appiattir- visi del tutto. Ora poteva vedere meglio il suo viso. Appariva gonfio, con ecchimosi  sul mento, le guance e le tempie. I numerosi lividi sulle braccia e sul viso sembravano  macchie di ruggine nella penombra, come se la donna avesse rovistato a braccia nude  in un mucchio di rottami e poi si fosse asciugata il sudore dal viso.  Chiunque l’avesse picchiata, aveva fatto un lavoro meticoloso.

Qual è il vostro tesaser?
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...